You are currently browsing the tag archive for the ‘Tavola della Pace’ tag.

Fissata la data Della Marcia per la Pace 2011
Perugia Assisi

PerugiAssisi 2011

Info e aggiornamenti su:

http://www.perlapace.it/

Annunci

Firma subito l’appello

della TAVOLA DELLA PACE, della Piattaforma delle Ong per il Medio Oriente – Associazione delle Ong Italiane e del Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la Pace e i Diritti Umani!

Appello per la PACE!

Prima la strage e il sequestro delle navi della pace. Dopo le condanne. E poi? Ci sono due modi per uscire da questa tragica vicenda. Il primo è quello più ovvio. Che, spenti i riflettori mediatici, tutto continui come prima, con più violenza, odio e tensioni in circolazione non solo nel Medio Oriente. Nel silenzio e nell’inazione generale. In attesa che un altro scontro sanguinoso, più cruento di quelli che continuano tutti i giorni in Terra Santa, desti la nostra attenzione. Fino ad ora è sempre stato così, anche dopo le peggiori tragedie. Il secondo è quello più difficile. Che questo shock convinca i responsabili della politica nazionale e internazionale a dire basta, a mettere fine al blocco di Gaza e all’occupazione e a costringere israeliani e palestinesi a chiudere subito questo conflitto nel rispetto del diritto e della legalità internazionale. E’ tempo di cambiare l’approccio. La situazione è intollerabile e, come abbiamo visto, estremamente pericolosa. Non intervenire seriamente oggi è da irresponsabili perchè siamo e saremo sempre di più coinvolti. Per evitare la catastrofe, è necessario che tutte le donne e gli uomini consapevoli, attivi nella società civile come nelle istituzioni, uniscano i propri sforzi agendo con determinazione, continuità e lungimiranza. Ci sono molte cose che si possono e si debbono fare qui e la: alleviare le sofferenze, difendere i diritti umani, promuovere il dialogo, sostenere le forze di pace, esigere che la Rai metta a confronto le idee e le proposte, premere sui parlamenti e sui governi. L’anno scorso siamo andati a Gerusalemme per vedere la situazione, ascoltare i due popoli e riflettere sulle nostre responsabilità. Pochi giorni fa abbiamo nuovamente marciato da Perugia ad Assisi per rinnovare il nostro impegno per la pace e la giustizia.

Oggi invitiamo tutti a dire:
Io ci sto! E voglio fare la mia parte.

Invia la tua adesione a:

segreteria@perlapace.it

fax 075/5739337

Convenzione dei cittadini europei

ADESIONI DI CITTADINI E ASSOCIAZIONI

alla

Convenzione dei cittadini europei su

diritti collettivi e beni comuni

Roma 3-4 giugno 2010

(aggiornato al 20 maggio 2010):

Leonardo ACRI, Paolo ACUNZO, Sergio AGOSTINELLI, AICCRE, Beppe ALLEGRI, Maria Romana ALLEGRI, Giorgio ANSELMI, Monica ANTONIETTI, ARCI, ASOCIAZIONE PER I DIRITTI SOCIALI, AUSER, Andrea BARANES, Guido BARBERA, Adriana BARBOLLA, BASIC INCOME NETWORK – ITALIA, Franco BASSANINI, Antonietta BELLATI, Gabriele BELLINATO, Sergio BELLUCCI, Francesco BIGI, Rosy BINDI, Giacinto BISOGNI, Rosario BLOISE, Laura BOLDRINI, Raffaella BOLINI, Mikael BOOK, Grazia BORGNA, Giuseppe BRANCACCIO, Jean Paul BRASSEUR, Papi BRONZINI, Federico BRUNELLI, Maria Pia BUMBACA, Chiara BUONGIOVANNI, Raimondo CAGIANO, Vittorio CALAPRICE, Ines CALOISI, Mario CAMPLI, Eliana CAPRETTI, Giovanni CARAPELLA, Luigi CARATELLI, Lorenzo CARBONARA, Christian CARRARA, Pietro CARUSO, Roberto CASTALDI, Stefano CASTELLACCI, Benedetta CASSANI, Giacomina CASSINA, Francesco CAVALLI, Stefano CECCANTI, Roberto CECCARELLI, CENTRO ALTIERO SPINELLI, Leonardo CESARETTI, Serena CESARINI SFORZA, Franco CHITTOLINA, Michele CIAVARINI AZZI, Vittorio CIDONE, CIFE, CILAP – EAPN, CIME, 50&PIU’, Chiara CIPOLLETTA, CIPSI, Raffaella CIRCELLI, CITTADINANZATTIVA, Pippo CIVATI, Giancarlo COCCO, Stefan COLLIGNON, COMITATO NAZIONALE PRIMO MARZO, COMMISSIONE EUROPEA – RAPPRESENTANZA IN ITALIA, Enrico CONTI, Massimo CONTRI, Silvia COSTA, Massimo CRUCIOLI, CSVNET, Paolo CUTOLO, Roberto D’ALESSIO, Linda D’ANCONA, Danilo D’ANTONIO, Corrado DASTOLI, Pier Virgilio DASTOLI, Francesca DE BENEDETTI, Jan DE BOCK, Jacqueline DE GROOTE, Juan Carlos DE MARTIN, Claudia DE MARTINO, Eleonora DE SANTIS, Luigi DE VITTORIO, Raimondo DEIARA, Fausta DESHORMES, Maria Teresa DI BELLA, Giuseppe DI GENIO, Roberto DI GIOVAN PAOLO, Luigina DI LIEGRO, Myriam DI MAIO, Monica DIDO’, Lalla ENEA, EUROBIC TOSCANA SUD, EURODESK, EUROPEAN ALTERNATIVES, Guido FABIANI, Piero FABRETTI, Piero FASSINO, Nuccio FAVA, Luigi FERRAJOLI, Francesco FERRERO, Ugo FERRUTA, Davide FICOLA, Giovanni Maria FLICK, Francesco FLORENZANO, FONDAZIONE BASSO, FORMEZ, Massimo FRAGOLA, Annita GARIBALDI JALLET, Sergio GAUDIO, Antonio GAUDIOSO, Mario GIRO, Sandro GOZI, Carlo Alberto GRAZIANI, Ettore GRECO, Philippe GROSJEAN, GRUPPO FASANA, Horst GRUTZKE, Damiana GUARASCIO, Maurizio GUBBIOTTI, Marta GUGLIELMETTI, Francesco GUI, ISTITUTO AFFARI INTERNAZIONALI, Carlo IMARISIO, INFORMAZIONE@FUTURO, INTERGRUPPO PARLAMENTARE PER LA COSTITUZIONE FEDERALE EUROPEA, Alfonso IOZZO, IRES, Emanuele ITTA, Luigi JACOBELLI, LABORATORIO EUDEMONIA, Tommaso LA PORTA, Olivier LA ROCCA, Francesca LACAITA, Manuela LA GAMMA, Ariane LANDUYT, LEGAMBIENTE, Mario LEONE, Elisabetta LEPRI, Lucio LEVI, Antonio LONGO, Flavio LOTTI, Sabrina LUPI, Fabrizio MADDALENA, Marianna MADIA, Ramon MAGI, MAGISTRATURA DEMOCRATICA, Erica MAGNANI, Francesca MARINARO, Lorenzo MARSILI, Nicola MARTINI, Andrea MASALA, Paolo MASINI, Tonia MASTROBUONI, Sergio MATTONE, Augusto Marcello MAZZOTTA, Viviana MELIS, Giorgia MELONI, Concetta MENNA, Vincenzo MENNA, Chiara MEOLI, Alberto MERIANO, MFE, Marco MICCOLI, Roberto MICCU, Augusto MILANA, Stefano MILIA, Maria Luisa MIRABILE, Luigi MOCCIA, Vito MONETTI, Elena MONTANI, Domenico MORO, Giovanni MORO, Maria Rita MORO, Rossella MURONI, Roberto MUSACCHIO, Claudia MUTTIN, Vincenzo NASO, Paolo NEROZZI, Davide NESPOLO, Ugo ONORATI, Paolo ORIOLI, Elena PACIOTTI, Roberto PALEA, Mauro PALMA, PANEACQUA, Gabriele PANIZZI, Ignazio Juan PATRONE, Marisa PATTERA, Mariano PAVANELLO, Laura PENNACCHI, Francesco PERICU, Teresa PETRANGOLINI, Riccardo PETRELLA, Eva PFOESTL, Andrea PIERUCCI, Stefano PIETROSANTI, Samuele PII, Alessandro PILOTTI, Massimo PINELLI, Sergio PISTONE, Gianni PITTELLA, Franco PIZZETTI, Renata POLVERINI, Maeva POZZI, PRECAT, Marco RICIPUTI, Stefano RODOTA’, Eugenia ROMANELLI, Matteo RONCARA, Carla RONGA, Francesca ROSEPPI, Melody ROSS, Loredana RUBEIS, Ernesto RUFFINI, Giorgio RUFFOLO, Mario RUSCIANO, Alfonso SABATINO, Stefano SACCONI, Maria Teresa SALVEMINI, David SASSOLI, Alcide SCARABINO, Giuseppe SCARAMUZZA, Isabella SCONDA, SCUOLA ALT(R)A AMMINISTRAZIONE, Patrizia SENTINELLI, Mario SEPI, Sara SERAVALLE, Debora SERRACCHIANI, SPES, SPI – CGIL, Giovanni STICCO, Paola STOPPOLONI, TAVOLA DELLA PACE, Nicoletta TEODOSI, Francesca TERZONI, Giulio TREMONTI, Umberto TRIULZI, Luisa TRUMELLINI, UEF – BELGIQUE, UNIVERSITA’ ROMA TRE, Valentina USAI, Mauro VACCARO, Nicola VALLINOTO, Simone VANNUCCINI, Luciano VECCHI, Niki VENDOLA, Antonio VENNERI, Valentino VENTRUTI, Lino VENTURELLI, VIDES INTERNAZIONALE, Tommaso VISONE, Vincenzo VITA, Christine WEISE,Cristiano ZAGARI, Lamberto ZANETTI, Valerio ZANONE….

Per aggiornamenti e adesioni:

http://www.diritticollettivi.eu

info@diritticollettivi.eu

Segreteria organizzativa:

MFE Roma

Piazza della Libertà, 13

00192 Roma

tel/fax 06.36001705

http://www.mfe.it

Convenzione dei cittadini europei

Programma definitivo per la convenzione dei cittadini sui diritti collettivi e beni comuni del 4-5 giugno 2010 su:

http://www.diritticollettivi.eu/images/pdf/ProgrammaConvenzioneRoma.pdf

Roma, 4-5 giugno 2010
Via Ostiense, 159 – Università degli Studi ROMA TRE

Sabato 15 maggio

ore 14.30 / 17.00

Sala della Vaccara, Palazzo dei Priori,

Piazza IV Novembre, Perugia

Workshop in preparazione del Gruppo di Lavoro 2 della Convezione dei cittadini europei

(www.diritticollettivi.eu)

sui “Beni Pubblici e Diritti Collettivi”

Introduzione ai lavori di Pier Virgilio Dastoli e di Antonio Longo (Movimento Federalista Europeo)

La pace si è affermata in Europa, come impossibilità di una guerra tra gli Stati che compongono l’Unione europea.

E’ questo il grande risultato di un processo che si è avviato esattamente 60 anni fa con la creazione della prima Comunità europea: “quando l’Europa non è stata fatta, abbiamo avuto la guerra……la costruzione dell’unità europea farà si che una qualsiasi guerra tra la Francia e la Germania diventi non solo impensabile, ma materialmente impossibile” (dichiarazione Schuman – 9 maggio 1950)

Le istituzioni europee (in particolare l’esistenza di un Parlamento europeo eletto e di una moneta unica) garantiscono oramai la pace (in quanto impossibilità di guerra) tra gli europei.

Come dobbiamo sfruttare questa grande conquista, sia sul piano interno (Europa) sia sul piano internazionale (Mondo)?

I nostri Paesi presentano oggi i fenomeni del razzismo e dell’intolleranza, della xenofobia, del rifiuto del diverso, del populismo, della criminalità organizzata, del separatismo e dei micronazionalismi.

Come possiamo contrastarli? Quali politiche dobbiamo chiedere alla UE, in particolare al Parlamento (come rappresentante dei cittadini) ed alla Commissione (in quanto esecutivo), sul piano della politica sociale per contrastare la disoccupazione, della politica economica per mettere in moto un diverso modello di sviluppo sostenibile ed una giustizia climatica, della politica sull’immigrazione per riconoscere i diritti civili e politici ed una cittadinanza europea di residenza?

Queste sono le sfide che si pongono oggi, sul piano interno, ai nostri Paesi.

Con il Trattato di Lisbona la UE può ora decidere a maggioranza su tutti questi problemi. Dobbiamo chiedere che lo faccia, vincendo le resistenze e gli egoismi nazionali.

Ma dobbiamo essere anche noi – come mondo delle Associazioni – a rivendicare obiettivi concreti e a formulare proposte su questi punti, affinché le politiche della UE siano il risultato di una forte interazione tra le Istituzioni e la società civile europea.

Occorre a tal fine mettere in moto le “Convenzioni dei cittadini europei” nelle nostre città, creare dei momenti nazionali ed europei di dibattito e di proposta, per far giungere la voce dei cittadini fin nelle Istituzioni europee. Non potremmo attivare anche gli strumenti che ci consente il Trattato di Lisbona: il diritto di petizione e, soprattutto, l’”iniziativa dei cittadini europei” (1 milione di firme per chiedere un’iniziativa legislativa europea)?

Ma poi dobbiamo lottare perché la pace possa ora affermarsi anche sul piano internazionale, in un mondo che è ancora governato dalle regole della ‘ragion di Stato’, dalla legge del più forte, dalla sovranità assoluta degli Stati.

L’Unione europea – primo esempio nella storia di superamento (parziale e pacifico) della sovranità assoluta – può giocare un ruolo importante, se non altro come esempio riuscito dell’affermazione della pace al proprio interno.

Ma occorre che parli ‘con una sola voce’, che abbia un reale ‘governo’ responsabile davanti al Parlamento ed espressione del voto dei cittadini europei, che venga superato l’anacronistico potere di veto degli Stati nella politica estera, che abbia un proprio seggio in un Consiglio di Sicurezza dell’ONU riformato ed aperto alle altre grandi aree del mondo (l’Africa, l’America Latina, l’India…).

Quale ruolo dovrebbe svolgere una simile Unione Europea nel Medio-Oriente per superare il conflitto israelo-palestinese, in Africa per indurre a porre fine alle guerre locali e combattere fame e sottosviluppo? E che politica dovrebbe attuare sul fronte del commercio mondiale, del problema agro-alimentare, di quello energetico ed ambientale?

Ed ancora: non è forse giunto il momento che l’UE esca dal silenzio sul tema del disarmo nucleare e dichiari esplicitamente che, in quanto Unione europea, intende rinunciare all’arma nucleare, invitando le altre potenze a fare altrettanto? Una simile presa di posizione non avrebbe un enorme impatto politico sul mondo, avviandolo sulla strada della pacificazione e della sua unità?

Movimento Federalista Europeo

Mercoledì 12 maggio dalle ore 15.30 alle ore 16.30

presso la Sala Conferenze del Senato della Repubblica

(Ingresso di Piazza Madama n. 11)

Il sen. Roberto Di Giovan Paolo e

il presidente della Tavola della Pace

Flavio Lotti

terranno una conferenza stampa in previsione della

Marcia per la pace Perugia – Assisi.

Nella conferenza stampa saranno presentate, oltre alle iniziative legislative per la pace e il disarmo, le azioni positive di sostegno agli immigrati  scacciati da Rosarno lo scorso gennaio.

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Segui assieme ad altri 39 follower

Archivio

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Segui assieme ad altri 39 follower

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: