A Roma lunedì 11 novembre alle
ore 11 presso la sede del CIFE in Salita De Crescenzi, 26  si terrà la
seconda riunione del comitato promotore italiano dell’iniziativa dei cittadini
europei (ICE) per un piano europeo straordinario di sviluppo sostenibile e per
l’occupazione finanziato con risorse proprie del budget europeo provenienti da
una tassa sulle transazioni finanziarie e da una carbon tax.

La riunione di lunedì dovrà prendere la decisione di presentare la proposta di
ICE alla Commissione europea entro la fine di novembre.  La presentazione
presuppone la creazione di un comitato europeo per il quale è sufficiente
indicare almeno sette persone di sette Paesi dell’UE e relativi supplenti. Il
comitato dovrà indicare i rappresentanti italiani nel comitato europeo che si
riunirà a Berlino venerdì 15 novembre. Durante la riunione del comitato
italiano verrà presentato il piano dei lavori per il sito, la newsletter, la
raccolta fondi, la presenza sui social network e il collegamento con gli altri
comitati.

Oltre al comitato italiano nel 2013 sono stati creati comitati in Grecia,
Francia, Belgio, Spagna, Repubblica Ceca, Bulgaria e sono in corso iniziative
per costituirne altri in Lussemburgo, Germania, Slovenia, Polonia, Romania. Il
comitato promotore italiano dell’ICE è stato costituito a Roma l’11 febbraio
2013, su proposta del Movimento Federalista Europeo ed è composto dai sindacati
CGIL, CISL, UIL e dalle associazioni ARCI, ACLI-FAI, Legambiente, Libera-FLARE,
European Alternatives, Movimento Europeo (Consiglio Italiano), AICCRE (Consiglio
dei Comuni e delle Regioni d’Europa), AEDE (Associazione Europea degli
Insegnanti), GD (Giovani Democratici).

Nelle prossime settimane verrà pubblicato, su alcuni quotidiani europei, un
manifesto di sostegno all’ICE firmato da importanti personalità europee tra le
quali Michel Albert, Ulrich Beck, Don Luigi Ciotti, Emilio Gabaglio, Pascal
Lamy, Yves Mény, Romano Prodi, Salvatore Settis, Barbara Spinelli, Daniel Cohn
Bendit.

Advertisements