Dal 14 al 16 giugno scorsi si è tenuto a Paliano il seminario laziale di formazione e selezione dei ragazzi delle scuole secondarie superiori in vista del seminario nazionale di Ventotene, che si svolgerà la prima settimana di settembre. Al seminario, organizzato dall’MFE Lazio sotto la guida instancabile di Franca Gusmaroli, con la collaborazione dell’MFE e della GFE Roma, hanno partecipato trenta ragazzi provenienti da diverse scuole di Roma, Frosinone, Latina, Gaeta e alcuni altri istituti del Lazio. Ad accoglierci a Paliano è stato l’assessore alla cultura del Comune, Simone Marucci, oltre al saluto istituzionale al Seminario del Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti.
Tre giorni di approfondimento e dibattito che hanno riscosso grande attenzione e partecipazione da parte dei ragazzi, i quali sono intervenuti esponendo le loro riflessioni, critiche e domande sui temi in discussione, dimostrando grande preparazione e interesse. I temi affrontati sono stati molteplici: da un primo pomeriggio incentrato sulla figura di Altiero Spinelli, sul Manifesto di Ventotene e sulla storia della battaglia per la Federazione Europea, grazie alle relazioni di Francesco Gui e Mario Leone; in seguito l’analisi delle attuali istituzioni comunitarie e di quelle federali future, nell’intervento di Paolo Acunzo; i diritti che spettano ai cittadini europei , dei quali molto spesso non siamo consapevoli, come ha spiegato Paolo Ponzano. Nel pomeriggio di sabato, dopo l’intervento di Giampiero Gramaglia che ha trattato il tema dei rapporti dell’Europa con gli stati che non ne fanno parte, è intervenuto il Presidente della GFE Roma, Tommaso Visone, parlando dell’Europa che vogliamo e, infine, Ugo Ferruta ha spiegato ai ragazzi il ruolo e le modalità d’azione del nostro Movimento. Nella mattina e nel pomeriggio del sabato i ragazzi hanno lavorato nei gruppi di lavoro gestiti dalla GFE Roma, mostrandosi veramente interessati alle tematiche europee, su cui hanno rilevato una scarsa informazione nelle scuole e nei mezzi di comunicazione, e incuriositi, molti di loro attratti, dalla proposta degli Stati Uniti d’Europa. Il lavoro dei gruppi è stato infine esposto in plenaria la domenica mattina, quando i relatori dei tre gruppi “Spinelli”, “Rossi” e “Colorni” hanno riportato di fronte a tutti le riflessioni del rispettivo gruppo. Sono poi seguite domande e commenti.
Per i ragazzi è stata un’occasione di approfondimento diversa dalla scuola, che ha offerto loro un’opportunità importante per la loro formazione ma anche un momento di amicizie e divertimento. Un’esperienza “completa” per i giovani partecipanti, speriamo neo federalisti, a cui vanno i nostri complimenti!
Livia Liberatore
Seg. GFE Roma

Advertisements